Materiali per bigiotteria - FILI e CORDONCINI

Salve amici del blog, vorrei proporvi una serie si post dove parlerò dei materiali maggiormente utilizzati in bigiotteria, Oggi, nello specifico, parleremo dei FILI e CORDONCINI. Per rendere la classificazione più semplice li ho divisi in sottocategorie basate sul loro materiale e utilizzo:






·         Per BIJOUX:

-   Nylonè disponibile trasparente (e viene chiamato anche bava o lenza) o colorato e ne esistono vari spessori...è uno dei fili che io uso più spesso anche se purtroppo ho notato che a volte tende a rompersi in corrispondenza di schiaccini e/o coprinodi.

-     Filo elastico: anche questo si trova sia trasparente che colorato, in vari spessori... si usa, generalmente, per collane o braccialetti cosicché si possa evitare di inserire la chiusura.

-    Cavetto d’acciaio (coated wire): Cavetto metallico intrecciato ricoperto di nylon...si trova in vari spessori, nella sua versione "naturale" color argento oppure colorato. Questo tipo di filo è il più resistente ...l'unico inconveniente è che il lavoro finale risulta...un po' rigido.

-  Infilaperle: filo intrecciato di nylon o seta disponibile in vari colori, la cui particolarità è che in una sua estremità è incorporato un filo di ferro molto simile ad un ago da perle.


·         Per TESSITURA con le perline:
Sono i fili che si usano nelle tecniche di tessitura con le perline (peyote, bric stitch, etc..) disponibili in vari colori. Ne esistono molte marche (miyuki, toho, ko, c-lon, SoNo, Nymo, Fireline,...) ognuna delle quali ha caratteristiche peculiari.



·         FILI METALLICI: Servono per la wireart, il wire wrap e creare componenti (es. ganci e chiusure). In commercio se ne trovano di diverso spessore e materiale  e con sezioni e durezza differenti

-        Acciaio inox: tra i tipi di filo più duri.

-       Rame, Ottone e Stagno: materiali più comuni, disponibili in tantissime versioni, anche smaltate/colorate.

-       Argento e Gold Filled: questi sono i fili più costosi/preziosi

-       Filo armonico: Filo solitamente d'acciaio molto duro a forma di molla.


·         CORDONCINI : Che si utilizzano, in genere al posto delle catenine.

-        Cotone cerato

-        Cuoio/camoscio/alcantara

-        Caucciù/plastica

-        Coda di Topo

-        Nylon intrecciato

-        Maglia Tubolare


-   Cachemire metallico: nastro tubolare in lana con  fili metallici intessuti. Simile alla maglia tubolare. (ringrazio Sogno per la segnalazione!!)





·         NASTRI: Possono fungere da cordoni o esseri usati come decorazione anche in bigiotteria. A fantasia o a tinta unita ne esistono di dimensioni e materiali differenti.

-        Satin

-        Organza

-        Organza Metallica: organza in filo metallico (grazie ancora Sogno!!)

-        Grosgrain

-        Sbieco

-        Velluto


E voi che fili e cordoncini utilizzate?!


Ora vi saluto!!

Dopo tanta teoria mi andrò a dedicare un po' alla pratica ;D

Alla prossima
   

13 commenti :

  1. Ciao post molto esauriente, molti non li conosco, io uso sopratutto filo metallico, anzi solo quello, ma c'è sempre da imparare, no??? Ciao elisa

    RispondiElimina
  2. E' utilissimo!! Purtroppo non posso contribuire, anzi ho solo da imparare! Io uso normalmente filo d'ottone, nastri e fili di stoffa di vario genere avanzati da lavori di cucite, più raramente altro.

    RispondiElimina
  3. Complimenti! Post bello e completo!

    RispondiElimina
  4. Alcuni non li ho mai usati, una bella guida senza dubbio! Ciao :-))

    RispondiElimina
  5. Io li uso un po' tutti, secondo quello che voglio realizzare. Non ho mai sperimentato il filo elastico e la molla armonica. Per i lavori di tessitura il mio preferito è il fireline ma ha il limite di esistere solo bianco e nero. Oltre a quelli da te citati uso spesso l'organza e il cachemire metallici, o come cordoni per infilare perle con un foro abbastanza grande, o per decorare dei pezzi di filigrana o al posto della maglia tubolare. Grazie del post! Chiarissimo!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo questo post e molto interessante!!
    Come nastri, noi utilizziamo anche la "coda di topo", tonda, spessa e lucida!!!

    Baciii
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  7. Wow!!!!! E' utilissimo!!!
    Con le foto poi è fantastico! Ci sono un bel po' di fili cui non sapevo nome e utilizzo!!! mitica partenza per questa enciclopedia!!!
    Bravissima Vale!!

    RispondiElimina
  8. fantastico post un blog inteessantissimo

    RispondiElimina
  9. Ciao, sei stata molto esauriente.. io mi sto cimentando da un annetto in bijoux create da me in fimo (pasta polimerica modellante che cuoce in forno), perline, minuteria, perle ecc..
    Ultimamente vanno molto di moda questi braccialetti-collane intrecciati con perline di minuteria, ma non riesco a trovare il filo adatto, poiché quello di nylon è troppo rigido e gli altri sono troppo molli.. tu hai qualche idee e consigliarmene uno??
    p.s. ho anche una pagina su fb,
    (https://www.facebook.com/pages/Gioielli-Americas/660895413939785?fref=ts) che puoi visitare per vedere come lavoro "Gioielli Americas"... CIAO CIAO E complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmmmm....che ne dici di un sottile filo di ferro?! sicuramente è più rigido di quello di nylon ma a differenza di quest'ultimo lo puoi "modellare" meglio...spero di esserti stata utile :D!!

      Elimina
  10. Si l'idea mi piace non l'ho mai usato e chissà che non sia proprio quello che cerco!!!
    Posso trovarlo nelle mercerie vero??? Grazieeeee ancora.. =)

    grazie per aver guardato la mia pagina =D !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse, se è una merceria molto fornita...io di solito lo trovo on line :D!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...